Quanto meno inopportuna la presenza di Dipiazza all'evento di Forza Nuova

26 febbraio 2018 - Consiglio regionale

La comunità slovena non può che esprimere sdegno e meraviglia per una scivolata istituzionale del primo cittadino triestino...

E' stata quanto meno inopportuna la presenza del sindaco di Trieste Roberto Dipiazza all'evento di Forza Nuova, partito politico di chiara matrice neofascista. La comunità slovena non può che esprimere sdegno e meraviglia per una scivolata istituzionale del primo cittadino triestino, che in un clima generale già di per sé teso e preoccupante ha scelto di legittimare con la propria attiva presenza un movimento che si richiama  al periodo più buio del secolo scorso, a slogan e contenuti che avevano fatto piombare Trieste, l'Italia e buona parte dell'Europa in un vortice di odio, discriminazione, violenze e morte. Fanno male anche le parole espresse dal sindaco con fin troppa leggerezza, parole che appaiono sprezzanti nei confronti dell'identità multiculturale di Trieste, dei movimenti antifascisti e della resistenza che invece avevano ridato speranza e dignità così a Trieste come anche all'Italia.

Una scelta, quella del sindaco alla convention di Forza Nuova, che mal si concilia con la tanto decantata iniziativa dei tre presidenti al concerto di Muti in Piazza Unità, tanto da far pensare si tratti di un altro sindaco e di un'altra città.

Igor Gabrovec