Qualità della vita e sviluppo economico

11 settembre 2018 - Consiglio regionale

Le necessità economiche e occupazionali non devono ledere il diritto alla salute, perciò il progetto sul pirogassificatore va valutato nei minimi dettagli!

La cartiera di San Giovanni di Duino rappresenta da molti decenni ormai un'importante realtà economica che offre occupazione a moltissimi abitanti del comune di Duino Aurisina e anche dei comuni limitrofi. Vero è anche che il complesso industriale registra negli ultimi anni serie difficoltà dovute ai cambiamenti avvenuti nel mercato della stampa e dal sostanziale calo della domanda di carta. Per questi motivi la questione della cartiera è costantemente sui tavoli delle istituzioni locali e dell'amministrazione regionale che sono chiamate a valutare attentamente ogni passo pianificato dalla proprietà. A maggior ragione dovrà così avvenire per la nuova proposta della proprietà di convertire una linea attuale nella produzione del cartone con annesso un pirogassificatore per abbattere i costi di smaltimento dei residui della carta riciclata. Il progetto è stato presentato in prima stesura a metà estate ed è ora al vaglio dei competenti servizi regionali per le prime valutazioni riguardanti il percorso di valutazione di impatto ambientale che si dovrà seguire. Parallelamente siamo stati chiamati, in qualità di consiglieri comunali, ad audire tutti i soggetti coinvolti dal progetto preliminare. Abbiamo quindi ascoltato i proponenti, la rappresentanza sindacale dei lavoratori della Burgo ed anche le istanze del comitato dei cittadini che ha espresso perplessità e criticità sulla proposta. Con l'ausilio dei funzionari nella commissione competente abbiamo successivamente elaborato un documento da inviare all'amministrazione regionale in cui abbiamo riportato tutte le criticità che ci sono state riportate dagli auditi. Alcune di queste ultime sono quasi scontate e richiamano i proponenti del pirogassificatore ad attenersi a tutte le norme vigenti e rispettare i limiti fissati in materia di ambiente e salute. Nel documento si chiede anche di prevedere il posizionamento di centraline di rilevamento e campionamento sia nella zona dell'impianto come pure negli abitati vicini, comprendenti anche i comuni sloveni di oltreconfine, prevedendo la possibilità per i cittadini di visionare il livello di inquinanti emessi tramite web. Per quanto riguarda l'asset della viabilità e della logistica si chiede ai proponenti di razionalizzare al massimo la circolazione degli automezzi pesanti, cercando di sfruttare le possibilità del trasporto su rotaia. Chiediamo inoltre di prevedere un'attenta ed adeguata mitigazione dell'impatto acustico e visivo della produzione. Non da ultimo si sottolineano tutte le questioni legate alla sicurezza dell'impianto proposto, comprendenti anche un'adeguata formazione del personale trasferito dall'attuale linea di produzione della carta. Come amministratori locali chiediamo di conoscere nel dettaglio il piano finanziario dell’opera per poterne valutare la sostenibilità nel medio-lungo periodo considerando anche le eventuali prospettive occupazionali. Nel documento congiunto firmato da tutte le forze politiche presenti in Consiglio comunale di Duino Aurisina si chiede infine di far disporre una adeguata fidejussione finalizzata allo smontaggio ed alla bonifica dell’impianto al momento della sua dismissione.

Chiediamo, alla pari del Comune di Monfalcone, che il progetto sia sottoposto al procedimento completo di VIA. Come amministratori locali dobbiamo infatti tutelare gli interessi e le aspettative dei nostri cittadini. Nelle vesti di consigliere regionale seguirò attentamente la questione anche in Regione che ha il compito di analizzare il progetto nella sua completezza, verificando che rispetti tutte le norme ed i limiti previsti ma anche valutando attentamente la compatibilità con quelle che sono le diverse potenzialità di sviluppo delle zone contermini. Esse, va ricordato, sono infatti caratterizzate da un elevato valore turistico ed ambientale che non deve essere più intaccato.

Igor Gabrovec, consigliere comunale Skupaj Insieme e consigliere regionale della Slovenska skupnost