La Regione si impegni a rafforzare la collaborazione tra agricoltori e apicoltori

08 aprile 2019 - Consiglio regionale

L’assessore regionale Zannier nel rispondere all’interrogazione si è detto concorde a quanto affermato da Gabrovec circa la necessità di ripristinare un rapporto di fattiva collaborazione riportando serenità in un comparto sottoposto oggi a forti tensioni, ricordando allo stesso tempo le varie misure regionali dedicate all’apicoltura.

La questione dei rapporti tesi a cui sono arrivati in alcune aree della regione agricoltori e apicoltori è stato oggi posto all’attenzione del Consiglio regionale grazie ad un’interrogazione presentata dal consigliere regionale della Slovenska skupnost Igor Gabrovec, che ha sommariamente riassunto gli eventi che hanno portato ad un crescente inasprimento della situazione. «Lasciamo, ovviamente, alla magistratura il lavoro di stabilire cause ed eventuali colpevoli«, ha detto inizialmente Gabrovec, »certo è che la moria di api non può essere ricondotta ad un suicidio in massa«. L'importanza fondamentale che le api hanno nei sistemi naturali è nota a tutti ma evidentemente troppo poco valorizzata e ricordata. Anche l’agricoltura ha bisogno del nobile lavoro di impollinazione dei pronubi (api ed altri insetti) e quindi si può tranquillamente affermare che agricoltori e apicoltori quasi non possono vivere gli uni senza gli altri. Per questo motivo c’è urgente necessità di un intervento deciso della Regione per rafforzare un dialogo collaborativo tra le due categorie, ha sottolineato il consigliere della SSk.

L’assessore regionale Zannier nel rispondere all’interrogazione si è detto concorde a quanto affermato da Gabrovec circa la necessità di ripristinare un rapporto di fattiva collaborazione riportando serenità in un comparto sottoposto oggi a forti tensioni, ricordando allo stesso tempo le varie misure regionali dedicate all’apicoltura. L’assessore all’agricoltura ha poi annunciato che un tavolo di lavoro istituzionale sul tema è stato convocato per il 4 aprile, occasione che consentirà alla Giunta di fare una ricognizione dell’efficacia degli attuali interventi di sostegno anche nella loro dimensione finanziaria.